Per il mese di Febbraio 2013 sono previste le seguenti aperture al pubblico, sempre dalle ore 21.00:

Venerdì 1 Febbraio: Il moto dei pianeti sulla volta celeste.
Venerdì 8 Febbraio: Le grandi comete nella storia (aspettando la PANSTARRS).
Venerdì 15 Febbraio: L’asteoride 2012 DA14 sfiora la terra (e noi l’osserviamo!).
Venerdì 22 Febbraio: Il neutrino: la particella più misteriosa dell’universo.

La locandina degli eventi del mese è reperibile qui.

Locandina Febbraio 2013

Modalità di svolgimento delle serate:
Le serate, nel caso di cielo sereno, avranno la durata di circa due ore. Si svolgeranno nella prima parte con l’osservazione della volta celeste ad occhio nudo e con l’osservazione al telescopio, mentre nella seconda parte con la proiezione all’interno della cupola del planetario, trattando il tema previsto secondo il calendario.
In questo mese di Febbraio, la scena è interamente dominata dal cielo invernale guidato dalla possente costellazione di Orione e dal pianeta Giove, ancora in buone condizioni di osservabilità.
Fra gli oggetti visibili al telescopio vi saranno il pianeta Giove, alcune tra le stelle colorate invernali come Betelgeuse e Sirio; stelle doppie come 32 Eridani, Epsilon Monocerotis, h3945, i Cancri; stelle triple come Keid e Beta Monocerotis; stelle quadruple come Trapezio e Sigma Orionis; ammassi aperti come M 37 e le Pleiadi; nebulose come M 42. La Luna consentirà una buona osservazione degli oggetti di profondo cielo durante le aperture del 1 e 8 Febbraio mentre l’osservazione ottimale del nostro satellite naturale sarà possibile durante l’apertura del 15 Febbraio. In questo mese tenteremo anche l’osservazione di un asteroide, il 2012 DA14, durante il suo passaggio ravvicinato alla Terra (attorno ai 30000 km!) che averrà proprio il giorno 15 Febbraio. Per maggiori informazioni su i fenomeni astronomici del mese e su quelli osservabili durante le aperture al pubblico del centro astronomico consultare questa pagina.
Nel caso di maltempo senza pioggia, dopo una breve introduzione al funzionamento della struttura e dei telescopi contenuti nella specola, si accederà alla cupola del planetario, dove la lezione durerà più a lungo, con maggiore possibilità di approfondire gli argomenti trattati.
In caso di pioggia la serata si svolgerà ugualmente, tutta all’interno del planetario, e avrà una durata accorciata ad un’ora e mezza.

Condizioni per l’accesso:
Per l’accesso al centro astronomico è previsto un biglietto di € 5,00 a persona. Per i soci l’ingresso è invece libero. Non è richiesta la prenotazione per le aperture del venerdì. Per chi fosse interessato alle tariffe e alle modalità per diventare socio della nostra associazione può consultare questa pagina; è anche possibile tesserarsi durante le serate di apertura del centro astronomico.

Come raggiungere il centro astronomico:
Per raggiungere il centro astronomico “Giuliano Vanin” potete seguire le indicazioni riportate in questa pagina.

Norme generali:

  • Nel caso le condizioni metereologiche consentano l’osservazione del cielo, si raccomanda di vestirsi adeguatamente in modo da non soffrire il freddo. In particolare, durante le stagioni fredde, è consigliabile adottare un abbigliamento “a cipolla” e l’utilizzo di guanti, calzini molto pesanti e berretto al fine di proteggere le estremità del corpo.
  • Non parcheggiare accanto all’osservatorio, ma lasciare l’auto nel parcheggio del cimitero, 100 m prima del Centro o, se questo è pieno, proseguire oltre il Centro e lasciare l’auto nello slargo dell’area ecologica, 300 m dopo il Centro ed accedere a quest’ultimo a piedi.
  • Il Centro Astronomico propugna la cultura del cielo buio. La notte è sempre sufficientemente illuminata da consentire di procedere vedendo agevolmente dove si mettono i piedi, senza l’ausilio di torce o telefonini. Se proprio si intende portare con sé una luce, sono consentite torce schermate a luce rossa, non led troppo potenti.
  • In tutta l’area del Centro, anche negli spazi aperti, è severamente vietato fumare, pena l’applicazione delle contravvenzione previste per legge.

Lascia un messaggio di risposta