Venerdì 24 maggio alle ore 21, al Centro Astronomico Giuliano Vanin di Arson di Feltre, Gabriele Vanin terrà una conferenza su Saturno, che esaminerà in dettaglio tutto quanto sappiamo attualmente sul pianeta, sui suoi straordinari anelli e sulla loro misteriosa origine, e sul corteo di ben 62 satelliti, alcuni dei quali dei veri e propri mondi in miniatura. Fra le altre cose, vi sarà un’introduzione storica sulle prime osservazioni al telescopio del pianeta e sulle prime interpretazioni, a volte bizzarre, a volte persino divertenti, della natura degli anelli, che vennero riconosciuti come tali solo 50 anni dopo le prime indagini telescopiche.
Dopo la conferenza, in caso di buon tempo, con un paesaggio notturno magicamente illuminato dalla Luna piena potremo osservare il pianeta Saturno nella migliore presentazione possibile da otto anni a questa parte, con gli anelli ben aperti, con tutti i telescopi del Centro, e soffermarci anche su qualche particolare lunare e far osservare qualche bella stella doppia colorata e contrastata.
Alle 22:56 potremo anche assistere all’apparizione di un luminosissimo Iridium. Si tratta di 66 satelliti messi in orbita nel 1998 per sviluppare la telefonia satellitare. A causa della grande altezza (780 km) questi satelliti normalmente, riflettendo la luce solare, sono a malapena visibili a occhio nudo. Tuttavia essendo dotati di grandi antenne molto riflettenti, occasionalmente, quando queste antenne sono nella posizione opportuna, riflettono molto efficacemente la luce del Sole e rinviano sulla Terra un fascio di luce piuttosto luminoso largo una decina di km.

Lascia un messaggio di risposta