Una serata eccezionale tutta dedicata all’osservazione della Luna e dei tre pianeti esterni visibili a occhio nudo, contemporaneamente presenti sopra l’orizzonte. Sulla Luna in grande evidenza la catena alpina e il massiccio del Giura a nord, la catena dei Carpazi e i crateri Copernicus e Reinhold al centro, il Mare Nubium e i crateri Longomontanus e Clavius a sud.
Su Giove grande spettacolo da parte dei satelliti: Io viene occultato, Europa e la sua ombra transitano sul pianeta, Ganimede esce dall’ombra di Giove dopo essere stato eclissato. Marte è sempre ben visibile con le sue calotte polari e le macchie scure sulla superficie rosso-ocra. Saturno, con i suoi spettacolosi anelli, inizia la sua attesa apparizione annuale, cominciando ad essere abbastanza alto per essere inquadrato al telescopio. Alle 21:50 si avrà anche una luminosa apparizione di un satellite Iridium.
In caso di maltempo, avrà luogo al planetario una conferenza con immagini e filmati ripresi dalle sonde sui tre pianeti e una presentazione del cielo del mese.

 

Lascia un messaggio di risposta