Si recupera questa sera al Centro Astronomico la conferenza, saltata a novembre per l’indisposizione del relatore, dedicata al grande genio di Johannes Kepler, illustre contemporaneo di Galileo, che successe ad un altro straordinario personaggio del Rinascimento, il nobile Tycho Brahe, nella carica di Matematico Imperiale del Sacro Romano Impero, a Praga.

Giuseppe De Donà, grande conoscitore della vita dell’astronomo tedesco, ci condurrà, attraverso un percorso originale, a scoprire i molti contributi scientifici forniti da Keplero, fino a quello fondamentale, ovvero la vera e propria riformulazione della teoria eliocentrica di Copernico. Non solo, ma De Donà ci svelerà anche i risvolti sconosciuti ai più della vita avventurosa di Keplero, della sua personalità misticheggiante, della sua assoluta onestà e umiltà intellettuale, della sua continua ricerca di un disegno armonico, ispirato al cristianesimo, al platonismo e alla musica, di un senso e di una finalità del cosmo.
Dal punto di vista osservativo sarà una serata formidabile per osservare la Luna, che sarà altissima in cielo e quindi assai poco disturbata dalla turbolenza. In stupenda evidenza il Golfo degli Arcobaleni, la catena dei Carpazi, la spettacolosa sponda orientale del mare Humorum, la tormentatissima Palus Epidiemarum con i crateri Mercator, Campanus e Capuanus, il cratere binario Heinzel-Mee.
Inoltre si potrà osservare il pianeta Giove, con tutte le sue quattro lune principali contemporaneamente visibili, e stelle colorate e multiple, come Keid, la Epsilon Monocerotis, la Stella Meraviglia, l’Albireo invernale.
In caso di maltempo la manifestazione avrà luogo interamente al planetario, dove verranno anche mostrati spettacolari filmati full dome e il cielo del mese.

 

Lascia un messaggio di risposta