Eccezionale appuntamento al centro astronomico questa sera: la sonda New Horizons, in viaggio da oltre 9 anni e dopo aver percorso circa 4,9 miliardi di km, da pochi giorni è arrivata alla massima vicinanza con il pianeta minore Plutone ed il suo satellite Caronte. Il pianeta non sarà osservabile con i telescopi del centro, ma i nostri occhi saranno gli strumenti di bordo della sonda.Vi aggiorneremo con le più recenti notizie, con spettacolari immagini e filmati in anteprima assoluta da questo estremo lembo del Sistema Solare, ultimo pezzo che ancora mancava all’esplorazione delle sonde. I primissimi dati arrivati sembrano smentire quello che generalmente si pensava, ovvero ad un corpo gelato ed inanimato.

Per la parte osservativa, la Luna sarà la massima attrazione, presentandosi infatti appena oltre il primo quarto, in condizioni ideali per l’osservazione. Sarà uno spettacolo incredibile.

Potremo osservare vicino alla linea del terminatore il cratere Copernico, con l’imponente sistema di terrazzamenti, circondato a nord dalla catena dei Carpazi, i vicini crateri Reinhold ed Eratostene, ma anche la geometrica rotondità del del cratere Plato, le cime frastagliate delle Alpi Lunari, e molto altro ancora.

Altra chicca per le pupille dei visitatori sarà naturalmente Saturno, che sarà ancora comodamente osservabile e contenderà al nostro satellite la palma di oggetto più bello.

Le belle stelle doppie del cielo estivo faranno poi da contorno al resto della serata: la sempre stupenda Albireo nel Cigno;la stella 15 Aquilae; l’interessantissima ε Lyrae chiamata anche “La doppia doppia” per la sua quadruplicità; la bella Rasalgethi nell’Ercole, e sempre in Ercole la stella 95 Herculis;

In caso di maltempo tutta la manifestazione si svolgerà al planetario.

Per raggiungere facilmente il Centro Astronomico e ogni altra informazione logistica consulta il sito: www.rheticus.it

 

Lascia un messaggio di risposta