Serata dedicata al cielo del mese. Di scena al planetario le grandi ed appariscenti costellazioni del Pegaso e di Andromeda che troveremo alte al passaggio in meridiano. Troveremo li vicino anche la costellazione zodiacale dei Pesci che, a dispetto dell’estensione rilevante, risulta sempre difficile da individuare per la debolezza delle stelle che la compongono. Nonostante ciò, in essa si trova il Punto Gamma o Primo Punto D’Ariete, origine fondamentale di una delle due coordinate celesti. Verso nord altissime in cielo le costellazioni di Cassiopea e Cefeo. A occidente saluteremo le costellazioni che ci hanno accompagnato durante l’estate, mentre ad oriente cominceremo a fare conoscenza con quelle che ci accompagneranno durante la stagione più fredda.

L’osservazione strumentale della Galassia Di Andromeda (M31) sarà il piatto forte della serata ma non sarà condotta con i telescopi, bensì con il binocolo. Questo perché l’estensione angolare della galassia è talmente imponente che nel campo del telescopio sarebbe visibile solo in parte. Approfittando dell’assenza della Luna i telescopi saranno puntati su oggetti di “profondo cielo” come l’ammasso globulare M15 in Pegaso o l’ammasso aperto Rosa Bianca (NGC 7789) in Cassiopea. La serata naturalmente sarà l’occasione anche per l’osservazione ad occhio nudo del firmamento, aiutati dai fasci laser e dalle spiegazioni degli esperti dell’associazione che saranno a disposizione del pubblico.

In caso di maltempo tutta la manifestazione si svolgerà al planetario.

Per raggiungere facilmente il Centro Astronomico e ogni altra informazione logistica consulta il sito: www.rheticus.it

 

Lascia un messaggio di risposta