La primavera è il periodo in cui il nostro sguardo, quando guarda il cielo, punta verso il polo nord della nostra Galassia, la Via Lattea. Questo è il motivo per cui in primavera la Via Lattea non si vede ed il firmamento risulta relativamente povero di stelle brillanti, a differenza che in estate o in inverno. In compenso, essendo il materiale galattico, stelle, gase e polveri, più rarefatto, il cielo risulta più “trasparente” e ci mostra più facilmente oggetti al di là della nostra galassia, il cosiddetto cielo profondo, essenzialmente galassie di tutte le forme, tipi e grandezza, posti a tutte le possibili distanze da noi.

Questa sera mostreremo al pubblico, con i nostri grandi telescopi, alcune di queste galassie, assieme naturalmente ad altri oggetti la cui visibilità risulta accentuata dall’assenza della luce lunare, ovvero nebulose ed ammassi stellari aperti e globulari.

La serata si svolgerà anche in caso di maltempo, poiché al planetario potremo proiettare altrettanto, se non più, spettacolari immagini di questi oggetti riprese in digitale dai soci della nostra associazione.

 

Lascia un messaggio di risposta