Graditissimo ritorno al Centro Astronomico del dott. Alessandro Gaz, già socio storico della Rheticus e da diversi anni fisico delle particelle al Cern di Ginevra, dove lavora al Compact Muon Solenoid, uno dei due esperimenti principali del Large Hadron Collider, come è noto l’acceleratore di particelle più grande del mondo.
Il dott. Gaz ci parlerà della supersimmetria, ovvero della teoria introdotta per risolvere uno dei problemi del Modello Standard della fisica delle particelle e cioè come la massa del bosone di Higgs possa rimanere stabile al valore che è stato recentemente misurato. La teoria prevede che ad ogni particella del Modello Standard corrisponda un’altra particella, chiamata partner supersimmetrico, e che la presenza di queste ulteriori super-particelle renda stabile la massa del bosone di Higgs.
Ovviamente l’esistenza di queste particelle supersimmetriche avrebbe profonde implicazioni astronomiche, perché si ritiene che la particella supersimmetrica più leggera sia stabile e questo la renderebbe un candidato ideale per spiegare la natura della materia oscura dell’universo, ovvero di quella materia che sappiamo esistere ma non emette luce visibile.
Uno dei campi di ricerca più attivi a Ginevra, e su cui Gaz sta lavorando proprio in questi mesi, consiste appunto nel cercare la presenza di queste elusive particelle supersimmetriche.

Dopo la conferenza, il cielo di Luna nuova ci inviterà anche questa settimana all’osservazione del cielo profondo, che già venerdì scorso ci ha dato grande soddisfazione. Ammassi aperti e globulari, nebulose diffuse e planetarie, galassie e residui di supernovae saranno tutti alla portata dei nostri potenti specchi, oltre all’affascinanete Saturno, visibile ancora per qualche settimana. Non mancheremo di far vedere il funzionamento del planetario e di mostrare le costellazioni e le stelle visibili a occhio nudo, illustrandone anche le loro favole e miti.

Il cielo artificiale mostrerà due brillamenti Iridium, e il passaggio di ben 16 satelliti più luminosi della terza grandezza, con un razzo Lacrosse che raggiungerà la luminosità delle stelle più brillanti.

In caso di maltempo la manifestazione avrà luogo interamente al planetario.

 

Lascia un messaggio di risposta